Personal tools

Cicciolina

Cicciolina, vero nome Ilona Staller, di origini ungheresi, è una delle pornostar più famose al mondo, oltre ad aver partecipato alla politica italiana.

CicciolinaIl vero nome di Cicciolina è Ilona (Elena) Staller, nata a Budapest, in Ungheria, il 26 novembre 1951, in una tranquilla famiglia di alti funzionari e esponenti del ceto colto e riflessivo del suo paese. Il padre lavorava al ministero dell'Interno mentre la madre esercitava la professione di ostetrica.

Ilona al principio sembra voler seguire le orme materne, ma non è una passione duratura, seguita anche per un breve amore per l'archeologia (si iscrive alla Facoltà di Archeologia dell'Università di Bucarest), Comincia presto a muovere i primi passi nel mondo della moda, dove viene subito notata per la sua bellezza. Posa per un'agenzia fotografica di Budapest, la "Mti", che gestisce le migliori cinquanta modelle ungheresi. Neanche ventenne, viene incoronata Miss Ungheria.

A 23 anni si trasferisce in Italia, per continuare la sua carriera di modella. Ma esordisce già nel 1970 con la pellicola Incontro d'amore di Paolo Heusch e Ugo Liberatore, accanto a Laura Antonelli e Umberto Orsini. Cominciano anche le frequentazioni con il bel mondo a cominciare da quella con l'allora imprenditore Silvio Berlusconi che nel 1974 la invita nel suo jet privato per una vacanza in Grecia. Trasferitasi a Roma, continua a recitare e nel 1975 la si ritrova in Vizi privati, pubbliche virtù di Miklós Jancsó, seguite da una serie di b-movie scollacciati all'italiana come La supplente, La liceale, L'ingenua. Diretta da Lucio Fulci ne Il Cav. Costante Nicosia demoniaco, ovvero: Dracula in Brianza (1972), passa a un più serio Alberto Lattuada per Cuore di cane (1976).

La sua fama è però forse principalmente dovuta all'incontro con Riccardo Schicchi, autore, produttore e regista di film pornografici, vero guru del settore. Con Schicchi conduce inizialmente "Voulez-vous coucher avec moi" un programma notturno dell'emittente radiofonica Radioluna. È in questo periodo che nasce il soprannome "Cicciolina": durante la trasmissione la provocante ragazza aveva l'abitudine di chiamare i suoi interlocutori radiofonici con il termine di "cicciolini", sarà Maurizio Costanzo il primo a rovesciare su di lei l'appellativo. La trasmissione andava in onda dalla mezzanotte alle due ed era seguitissima, un vero successo. È nato un mito: Cicciolina.

Conquista copertine e prime pagine di riviste e quotidiani che vanno da "Oggi" a "La Repubblica", fino a "L'Europeo" dove poserà per la prima volta nuda.
Dopo essere stata scelta come conduttrice della trasmissione di Enzo Trapani in 8 puntate C'era due volte, in onda su Rai Due fra il 1979 e il 1980, entra nel campo dell'hard con la sua prima pellicola, Cicciolina amore mio (1979) di Amasi Damiani e Bruno Mattei, che ebbe però poco successo.

Dopo la su presenza nella commedia John Travolto… da un insolito destino (1979) di Neri Parenti, da questo momento in poi i titoli della sua filmografia saranno solo ed esclusivamente pornografici. Schicchi infatti, oltre a essere diventato il suo compagno nella vita privata, la introduce nel mondo del mercato per adulti e trasformandola in una macchina per fare soldi. Con pellicole come La conchiglia dei desideri (1984), Il pornopoker (1984), Carne bollente (1987), Cicciolina Number One (1986), Banane al cioccolato (1986), Telefono rosso (1986) e I racconti sensuali di Cicciolina (1986) diventa la regina incontrastata dei film a luci rosse, condividendo del sue fortune e il momento storico di sdoganamento dell'hard con i colleghi Moana Pozzi e Rocco Siffredi, con i quali lavora rispettivamente in Cicciolina e Moana ai mondiali (1990) e Amori particolari transessuali (1992). Cicciolina è diventata una regina del porno.

Ma Cicciolina è anche piuttosto esperta di politica... nel 1987 si candida alle politiche nel partito radicale di Marco Pannella, con la lista del Partito dell'amore. Viene eletta con 22.000 preferenze, seconda solo al leader radicale. Il fatto attira l'attenzione dei media di tutto il mondo. Ilona si batte con una campagna di educazione sessuale all'interno delle scuole e con svariati e molteplici programmi per la cura e la prevenzione, nonché l'informazione sull'AIDS.

La storia con Riccardo Schicchi, che sembra essere il deus ex machina di tutta l'operazione che ha portato ancora più popolarità alla donna, termina a causa dell'incontro con Jeff Koons, artista americano che dedica un'opera d'arte all'attrice. Nel 1991 i due si sposano e presto nasce un figlio, Ludwig. Ma Ilona e Jeff divorziano due anni dopo la nascita dell'unico figlio; inizia qui una lunga battaglia legale per la custodia di Ludwig. Inizialmente la custodia viene affidata al padre, ma un tribunale italiano affida successivamente il bambino a Ilona, nel 1998, e ordina a Koons di pagare 1.500 euro al mese per i suoi alimenti.
 
Ma durante tutte queste vicende private, la vita da pornoattrice di Cicciolina continua; nel 1989 aveva anche compiuto un passo da regista dirigendo la Pozzi nel film porno Diva futura (1989). continua a recitare in pellicole hard, principalmente dirette da Jim Reynolds: Backfield in Motion (1990), Rise of the Roman Empress 2 (1990) e Le donne di Mandino (1991). Nel 1995, si trasferisce in Brasile per lavorare nella soap opera in costume Xica da Silva, mentre nel 1999 sciocca l'opinione pubblica rilanciando la sua figura come una moderna Mata Hari, rivelando di essere stata una spia del Partito Comunista Ungherese per gran parte della sua giovinezza, ancora prima di diventare un'attrice pornografia e quando ancora svolgeva il lavoro di cameriera in un hotel internazionale, all'età di 19 anni.

Nel gennaio del 2002 Cicciolina si è buttata nuovamente nell'agone politico, presentandosi come indipendente nelle elezioni parlamentari ungheresi per il seggio di Kobanya-Kispest, uno dei quartieri proletari di Budapest. Malgrado il suo sbandierato amore per l'Ungheria, per cui prometteva di fare grandi cose, i cittadini non hanno appoggiato l'iniziativa bocciandola alle elezioni. Non contenta torna in Italia con l'intenzione di candidarsi per diventare il nuovo sindaco di Monza. Il suo programma politico prevede un punto piuttosto audace: trasformare la Villa Reale in un casinò. L'obiettivo non riscuoterà successo. Nell'agosto del 2004 un nuovo annuncio: intende candidarsi alla poltrona di sindaco di Milano alle elezioni amministrative del 2006; questa volta la sede del casinò proposta è il Castello Sforzesco.

Dopo gli insuccessi in politica torna in tv, partecipando al reality The Farm (2004-2005). Inoltre intraprende una nuova attività, fondando l'agenzia internazionale "Saremo Famosi".

Le ultime notizie che riguardano Cicciolina la vedono coinvolta in una causa milionaria: è lei che accusa l'ex-marito di non aver pagato 1,5 milioni di Euro per gli alimenti del figlio.

Guarda l'intervista doppia Ciccolina vs Jessica Rizzo

Clicca qui

La filmografia

Clicca qui

Sito ufficiale

Questo è il sito ufficiale di Cicciolina, dai toni decisamente spinti...: www.cicciolinaonline.com.

Le news riguardanti Cicciolina

Causa da 1,5 milioni di euro...


Tutto su TorinoSex - Termini e Condizioni uso - Privacy - Come funziona - Mappa del sito - Accessibilità - Contattaci